domenica 18 settembre 2011

la domenica dei comunisti

la domenica noi non andavamo alla messa, ché eravamo comunisti, noi.
mia madre stava a casa a rassettare e mio padre portava a spasso me e mio fratello: eravamo comunisti, non femministi, noi.

io, curiosa:
- dove andiamo oggi?
mio padre, sorridendo:
- oggi vi porto a vedere i ricchi che mangiano la brioche.
io, confusa:
- ma noi non la mangiamo la brioche? 
lui, compiaciuto:
- noi non siamo ricchi.
io me ne rimanevo zitta, perplessa.
poi lui con gi occhi furbi aggiungeva:
- ma se fai la brava ti porto a vedere quelli che mangiano la brioche alla crema, non quella liscia. solo se fai la brava però.
e rideva.

quando ripenso a questo scherzo ancora sorrido.
eravamo dei comunisti burloni, noi.

3 commenti:

  1. non mi sono mai piaciute le brioches.

    Roba da capitalisti.

    Kap

    RispondiElimina
  2. non ho capito lo scherzo :o

    RispondiElimina
  3. "Il Popolo ha fame e chiede pane!" "Dategli le Brioches"

    Questa è la quintessenza della lotta di classe!

    Chissà che casino al Pont per avere un koffie...

    RispondiElimina

se accedi come anonimo perché non sei utente google e blablabla, mi piacerebbe che ti firmassi almeno con uno pseudonimo, così rispondendoti potrò rivolgermi a te in modo meno impersonale. ciao e grazie per il tuo commento!