domenica 29 gennaio 2012

a mia sorella arianna

di un amore primitivo ti amo, sorella mia
la più piccola,
di un amore di cani io 
ti amo.

amore
che nella notte veglio
riparo sotto la tempesta
proteggo
dalle forze centripete
dagli scossoni del tempo
dai millemila chilometri
nel vento.

sorella mia
ti tengo
in un angolo oscuro di me
un origami ripiegato 
a quadratini e a zigozago.

ti tengo, sorella mia
in un cantuccio buio 
che nel suo interno fa luce a spalancarsi
e giardini
e alberi ritti e tonanti
sequoie
e stormi di storni
sardine a banchi
farfalle monarca in migrazione
e oche, anch’esse in migrazione
la piazza djemaa el fna
hagia sophia
il muro di berlino
i libri già letti
i libri da leggere
le ossa 
i morti
i pesci volanti
lo sprofondo 
noi, femmine
noi, resistenti
l’acqua
i semi
le radici
il vino buono.

sorella mia
la più piccola
ti tengo.
sorella mia
ti amo, io.

5 commenti:

  1. grazie infinite non riesco a dire altro se non che mi hai riempito il cuore... la tua sorellapiccola

    RispondiElimina
  2. e io lo so che questa è una questione di famiglia e dovrei starne fuori, ma quello è il cantuccio più bello del mondo, quello con le sardine a banchi

    RispondiElimina
  3. le sardine a banchi sono belle da far piangere.

    RispondiElimina

se accedi come anonimo perché non sei utente google e blablabla, mi piacerebbe che ti firmassi almeno con uno pseudonimo, così rispondendoti potrò rivolgermi a te in modo meno impersonale. ciao e grazie per il tuo commento!