domenica 23 gennaio 2011

se non ti ammazza

la verità a volte sta nel silenzio e si disvela in moti impercettibili, come di onde piccolissime, come pieghe di lenzuolo.
accade allora che la parola non riesca a farsi, a dispiegarsi, e quindi attende.
in questi silenzi ossuti che prosciugano il respiro non c’è menzogna,
c’è purezza e mai inganno.
ma l’assenza di parole a me mi ammatta,
io nel giardino muto senza uccelli mi impazzisco.
eppure ora l’orecchio si è fatto sensibile
come di gatto
e lo strofinarsi delle foglie una sull’altra posso sentire
e i passi delle formiche, tutti.

c’è chi dice che fortifica.
se non ti ammazza, sì.

10 commenti:

  1. i tuoi ultimi post sanno terribilmente di cuore.

    RispondiElimina
  2. no, sentiti piuttosto che visti.

    RispondiElimina
  3. io essere molto lenta in questo momento. io avere lavorato fino a mezzanotte. tu spiegare più dettagliatamente, che necessito di feedback, lo sai.

    RispondiElimina
  4. quando ho iniziato a leggerti, le tue parole mi comunicavano immagini, di cui, spesso, ignoravo il filo conduttore. Oche e caffè, bestemmie e desiderio, il verde dei canali e il rosso dei capelli. Confusione e disordine. Negli ultimi post percepisco un tuo sentire che viene fuori chiaro ed ordinato. Sentire, come percezione di sensazioni attraverso un senso che va al di là dei cinque principali. Sentire ed esprimerlo come è in grado di farlo chi conosce se stesso.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. il blog è nato per un bisogno tutto personale. dovevo scrivere e buttare fuori una confusione, un disordine. inoltre, volevo "andare di ruspa", come mi era stato consigliato di fare. e io ho iniziato, senza sapere assolutamente come si facesse.
    io non so raccontare, non penso di avere la mente strutturata al racconto, alla tessitura di trame complesse.
    il filo conduttore non era visibile probabilmente perchè La saRamandra nasce come cosa mia e cosa mia rimane.
    non mi importa che ci sia un perchè dietro ogni storia o pensiero o poesia: io scrivo, per disciplina sì ma forse anche per recuperare il Filo, i tanti Fili che si sono ingarbugliati e persi.
    sono passati ormai sette mesi dalla nascita di questo blog: non so dire se conosco me stessa, non credo, ma sicuramente sono stati mesi che mi hanno rivelato tanto di me, e la saRamandra mi ha aiutato in questa scoperta.

    RispondiElimina
  7. E se il cuore non ha capito, non arriva ad esser menzogna il detto della bocca, ma piuttosto assenza. (J. Saramago)

    RispondiElimina
  8. >> senza uccelli mi impazzisco

    :D

    RispondiElimina

se accedi come anonimo perché non sei utente google e blablabla, mi piacerebbe che ti firmassi almeno con uno pseudonimo, così rispondendoti potrò rivolgermi a te in modo meno impersonale. ciao e grazie per il tuo commento!